Quando la direzione chiama alla challenge

livit-jobs-corona-challenge_840x560px

Insieme, positivi e pronti per l’inverno

Qualche mese di pandemia alle spalle, restrizioni assodate e nuove e ora la stagione più fredda e buia dell’anno: la situazione attuale rappresenta un peso per molti. A peggiorare le cose, al momento non si intravede una fine e c’è da aspettarsi il proseguimento della raccomandazione pressante di lavorare in home office. Come mantenere viva la motivazione dei nostri collaboratori e garantire uno scambio vivace nella community, nonostante le difficili circostanze attuali? Questa è la domanda che si è posta la direzione Livit prima dell’inizio dell’inverno e che ha richiesto un lavoro autonomo e una sfida di fine anno per tutta l’azienda.

Due anni fa ho iniziato a scrivere il mio primo libro. La sfida è arrivata proprio al momento giusto per incoraggiarmi a dedicarmi nuovamente al progetto.
Markus
,
contabilità immobiliare

Ripartizione flessibile degli orari di lavoro

Livit calcola le ore di lavoro come ore di lavoro annuali, per questo motivo è sempre possibile una ripartizione flessibile degli orari di lavoro. La priorità assoluta è garantire una reperibilità telefonica ai clienti. Lavorare in home office favorisce la flessibilizzazione degli orari di lavoro, che secondo la direzione dovrebbe essere sfruttata anche in accordo con il team. Se a mezzogiorno spunta qualche raggio di sole, una pausa pranzo più lunga ha più senso che una chiusura anticipata. 

Crediamo fermamente che la motivazione e la produttività dei collaboratori aumentino quando si lascia spazio alla libertà.
Beatrice Lifart
,
responsabile RU

Dalle sessioni di esercizio sportivo alla scrittura creativa

Poco dopo l’annuncio della challenge, sono giunte numerose proposte di progetti per la sfida di tre settimane, che sono state registrate internamente e integrate di continuo. I collaboratori si sono posti degli obiettivi nei settori relax, salute, cucina, creatività, lettura e sport. I progetti potevano essere portati a termine da soli o in squadra. I progetti collettivi hanno offerto l’evidente vantaggio della motivazione reciproca attraverso uno scambio regolare.

Alcuni degli obiettivi della challenge:

livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px11
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px10
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px7
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px9
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px6
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px4
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px5
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px3
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px2
livit-jobs-corona-challenge_projekte_it_840x560px

Premiazione dei vincitori

Sforzo, disciplina e perseveranza vanno ricompensate. Una giuria interna ha premiato tre dei progetti più originali con i migliori risultati. Le squadre vincitrici hanno ricevuto come premio un evento di squadra virtuale che promuove ulteriormente lo spirito di squadra nonostante la collaborazione a distanza.

Grazie mille per la vostra iniziativa. La trovo semplicemente fantastica.
Mathias
,
gestione locazioni

A proposito, la nostra famiglia Livit è sempre felice di accogliere nuovi volti. Può trovare le offerte di lavoro nella nostra sezione Jobs.

 

Dicembre 2020

X