Livithek

Informatevi nella Livithek e scoprite quanto di interessante e nuovo Livit ha da offrirvi. Troverete un'ampia gamma di informazioni in materia di gestione, facility management, gestione edilizia e gestione locazioni.

Money
Work in Progress
15.03.2018
Work in Progress Work in Progress Intrinsecamente motivate o spinte dall’esterno: le persone e le organizzazioni dovranno essere in futuro capaci e disposte ad accettare, adattare e integrare continuamente nell’ottica del work in progress i cambiamenti necessari che l’industrializzazione 4.0 richiede. Chi sa trasformarsi e partecipa attivamente al cambiamento contribuirà a creare un futuro innovativo. La digitalizzazione in quanto motore principale di diversi trend ha un importante impatto sul modo in cui vivremo, abiteremo e lavoreremo in futuro. Non solo sarà possibile l’automatizzazione delle singole attività, ma addirittura la ridefinizione, lo sviluppo e la connessione di lavori finora isolati in catene di processi integrali, nuove conoscenze e nuove forme di lavoro collaborative. Le possibilità di ulteriore connessione valgono anche per le informazioni, a disposizione in quantità e qualità prima sconosciute. Correttamente interpretate e impiegate dalle persone e dagli algoritmi, rivelano precise conclusioni sul comportamento attuale degli utenti sulle esigenze a venire. I servizi risultanti tuttavia non saranno più offerti da un unico, bensì da più fornitori, che comunicano tramite sistemi tecnici aperti e interagiscono in nuove forme di cooperazione. Per poter fornire servizi di alta qualità e mirati, la sfida futura sarà comunicare con le macchine, introdurre nuovi processi digitali e ampliare la rete con persone. Occorre trarre rilevanti conclusioni dall’enorme quantità di dati, distinguere tra fattibile e sensato, prendere le giuste decisioni e stabilire le priorità. I massivi cambiamenti e la ridefinizione dei compiti pongono l’intera Livit nonché tutti i collaboratori di fronte a nuove sfide. Accanto a questioni organizzative, tecniche e professionali, Livit ripone particolare attenzione nelle diverse sfaccettature del cambiamento, a partire dalla considerazione della visione e della strategia fino ad una comunicazione aperta e diretta tra i collaboratori e uno scambio ancora più intenso con i nostri clienti.   Disponibilità al cambiamento Per Livit la definizione di questa base comune ha inizio nel continuo sviluppo dei collaboratori esistenti e sfocia nel reclutamento dei nuovi collaboratori. In questo processo giocano un ruolo decisivo le nuove abilità digitali, gli aspetti personali nonché professionali con un’elevata disponibilità al cambiamento. I sistemi aperti digitali e analogici, le nuove forme di lavoro collaborative con compiti e partner di riferimento in continuo cambiamento richiedono infatti specialisti che affrontino in modo aperto il cambiamento. Che sia all’interno dell’Accademia Livit, nella formazione continua esterna oppure «on the job»: Livit prepara i propri collaboratori in modo mirato alla transizione da amministratori tradizionali a moderni consulenti e specialisti. A completamento della formazione intensiva relativa a esigenti tecnologie, dati e orientamento del cliente, l’azienda offre con Livit New Work nuove possibilità di collaborazione interdisciplinare. Gli uffici aperti e le superfici di lavoro flessibili sono espressione della volontà di sviluppo continuo, di apertura verso nuovi temi, collaboratori e partner. Sono segno di una cultura che promuove l’iniziativa e l’innovazione, celebra i successi, trae le conclusioni necessarie dai fallimenti e trasmette il piacere del confronto intenso con tutte le sfide attuali e future. Questo fa di Livit un attraente datore di lavoro per i miglior talenti e leader – e dunque un prezioso partner per i proprietari e i locatari nel loro cammino verso un futuro di successo.   Aprile 2018   Livit impiega oltre 250 persone nella gestione immobiliare.
Money
Coinvolgere i clienti in modo ottimale
08.03.2018
Coinvolgere i clienti in modo ottimale Coinvolgere i clienti in modo ottimale Il progresso tecnologico crea nuove possibilità anche nella locazione di abitazioni e superfici commerciali. «La rilocazione digitalizzata» è il concetto chiave – ma che cosa si intende concretamente con ciò? E quale plusvalore genera per i locatari e i proprietari? Philippe Frei, responsabile della gestione locazioni presso Livit, fornisce informazioni su temi di settore attuali nell’intervista di Jürg Zulliger. PHILIPPE FREI Il 46enne Philippe Frei è uno specialista qualificato in locazione e commercializzazione di oggetti d’abitazione e commerciali. Dal 2016 è responsabile della gestione locazioni presso Livit. Dal 2006 al 2014 è stato responsabile Commercial Letting & Tenant Representation presso Colliers International e ivi membro della direzione. Successivamente si è occupato dello sviluppo e della direzione degli affari di locazione per tutta la Svizzera presso Jones Lang LaSalle a Zurigo. Signor Frei, cosa possiamo immaginarci con la rilocazione digitalizzata? Philippe Frei: già nel 2016 abbiamo introdotto sulle piatteforme online, come primo fornitore insieme ad entrambi i nostri partner principali, le visite a 360° delle offerte di abitazione. Le immagini digitali vengono riunite in un’esperienza tridimensionale. In futuro ci si può immaginare che gli interessati possano scegliere un’abitazione sulla base di tour virtuali, risparmiando dispendiose visite. Per la decisione finale tuttavia molti clienti continuano a desiderare un appuntamento in loco al fine di visitare l’abitazione di persona. Farsi un’idea è una cosa ma come proseguirà il processo digitale in modo concreto?Come prossimo passo, l’interessato compilerà online il formulario di candidatura. Il dossier verrà successivamente elaborato da noi in modo digitale. Allestiremo il contratto di locazione, che sarà inviato al cliente sempre online. Un importante passo intermedio sarà per noi la verifica della solvibilità. Mentre convenzionalmente ci si basa sull’estratto delle esecuzioni nonché su domande fatte al locatore attuale e al datore di lavoro, la digitalizzazione offre in questo caso grandi vantaggi. Il processo di verifica della solvibilità si svolgerà in background, poiché potremo recuperare le informazioni sulla solvibilità tramite fornitori specializzati. I chiarimenti telefonici e le informazioni relative alle esecuzioni in formato cartaceo decadranno, rendendo il processo più efficiente.  Per quando prevede di preciso l’introduzione della rilocazione digitalizzata? Al momento ci siamo prefissati di introdurre questo processo digitalizzato ancora nel corso di quest’anno. L’innovazione «processo di rilocazione digitale» potrà essere applicata nelle nostre nove filiali in tutta la Svizzera. La situazione di mercato si è modificata in molti segmenti, parzialmente anche nel mercato delle abitazioni. In che misura ciò influenza la digitalizzazione? Molte persone hanno fissa nella mente l’immagine di lunghe code d’attesa per visitare un’abitazione. Tali situazioni si verificano oggi forse ancora nei mercati delle abitazioni cittadine di Ginevra o Zurigo. Di fatto, in alcune regioni per via della situazione di mercato è diventato difficile riuscire a convincere gli interessati in merito a un’offerta. Se si desidera sfruttare il potenziale e le opportunità, è necessario coinvolgere gli interessati e i clienti in un processo di vendita. Si tratta appunto di tutt’altra pratica rispetto alla semplice domanda e risposta che ha luogo durante una chat. Domande in merito agli animali domestici potranno essere trattate in chat, molti altri temi tuttavia no. Philippe Frei Responsabile gestione locazioni Esistono determinate domande o temi che è meglio non affrontare sui canali digitali? In generale si delinea naturalmente una tendenza per cui la comunicazione con i locatari avviene sempre più tramite i canali digitali. Gli interessati comunicano dunque per esempio in chat con un consulente di locazione. Su canali del genere è bene trattare temi come «Posso tenere degli animali in casa oppure no?». Per attuare con un cliente in un buon processo di vendita, sarà necessaria come sempre la comunicazione verbale. Dunque la comunicazione da persona a persona. In questo modo potremo consigliare i clienti al fine di trovare un’offerta adatta a loro. Con questa analisi pensa anche al mercato di uffici e superfici commerciali in cambiamento?Sì, certo. Circa il 30% della nostra attività di gestione riguarda le superfici ad uso commerciale. Qui la locazione si dimostra esigente da oltre 10 anni. Se si desidera convincere gli interessati in merito a un’offerta, è necessario un colloquio diretto e bisogna addentrarsi in un processo di commercializzazione. Condizioni importanti a questo scopo sono l’analisi e il rapporto con i dati esistenti sul mercato, sui cambiamenti in determinati settori e sulla situazione attuale delle aziende. Dobbiamo rivolgerci attivamente agli interessati e dimostrare loro che disponiamo di una soluzione ottimale. Ciò comprende anche lo sviluppo di un Business Case adeguato a tali clienti. Grande importanza ha inoltre naturalmente anche il Customer Relationship Management. Chi opera nella gestione deve conoscere bene i propri locatori e le loro esigenze! Su questa base un cliente avrà fiducia che noi possiamo offrigli buone soluzioni in risposta alle sue necessità. Come la digitalizzazione cambia i lavori e le richieste nella gestione? La digitalizzazione contribuisce naturalmente affinché i collaboratori siano sollevati da semplici compiti ripetitivi. Molto spesso le persone sono assorbite da richieste telefoniche, come ad esempio la richiesta di polizze di versamento. Tutto ciò potrebbe avvenire in modo altrettanto efficiente tramite altri canali. Da questo punto di vista la digitalizzazione offre una grande opportunità di concentrarsi molto di più sul Core Business. La cura dei rapporti con i locatori esistenti acquista in questo modo un’importanza maggiore. Vogliamo ormai evitare di avere come focus in primis gli immobili risp. oggetti. Finalmente il rapporto con i clienti sarà in primo piano! La digitalizzazione ci aiuterà a sollevare i collaboratori da compiti facili. Con ciò si intendono tutti i compiti che non richiedono alcuna conoscenza professionale o specializzazione particolare.   Marzo 2018
People
Dialogo tra digitale e analogico
12.01.2018
Dialogo tra digitale e analogico Dialogo tra digitale e analogico Il settore immobiliare si confronta su tutti i fronti con nuovi sviluppi. Ciò richiede soluzioni tecniche innovative e una nuova interpretazione del ruolo di consulente. I collaboratori – e con loro anche le risorse umane – sono messi alla prova. I moderni servizi relativi agli immobili e ai clienti non si prestano più soltanto in modo puntuale, bensì integrale. Di conseguenza essi sono orientati al ciclo di vita dell’oggetto d’abitazione, commerciale e di retail, ma soprattutto alle necessità dell’utente. Dalla progettazione alla costruzione fino all’utilizzo, tengono conto di aspetti sia ecologici che economici. I desideri dei clienti sono presi sistematicamente in considerazione nella nuova definizione e prestazione dei servizi. Le nuove piattaforme e i nuovi portali creano nuove possibilità di comunicazione e collaborazione. I dati sono reperibili indipendentemente da luogo e ora e forniscono conoscenze preziose per un ulteriore sviluppo. Ne derivano, accanto alla massima trasparenza, un’esperienza e una responsabilità del cliente completamente nuove: cliente e consulente diventano partner che definiscono autonomamente i propri ruoli e compiti in base alla situazione, condividono informazioni e conoscenze e si impegnano a favore l’uno dell’altro; a maggior ragione quando si tratta di valutare, concepire e realizzare nuove possibilità tecnologiche per accrescere il vantaggio e l’esperienza del cliente. Automatizzazione e fusioneLe moderne tecnologie consentono accanto all’interazione tra proprietari, locatari e consulenti anche la comunicazione tra persona e infrastruttura. Ne scaturiscono nuove conoscenze e i fattori ecologici ed economici possono essere influenzati in modo individuale. Con la nuova definizione, ruoli e compiti così mutati devono adeguarsi anche ad aspetti giuridici e contrattuali. Le ottimizzazioni e integrazioni tecniche e processuali rappresentano soltanto una piccola parte delle iniziative con cui Livit risponde alle richieste in mutamento di mercato, proprietari e locatari. Anche l’offerta dei servizi si adatta agli sviluppi rilevanti, come la tendenza del singolo nucleo famigliare o della shared economy, alla società multiculturale e in continuo cambiamento – e ciò ha un’influenza diretta sul lavoro del consulente immobiliare e sul concetto delle risorse umane. Teoria e prassi Il trattamento di dati e informazioni, la specializzazione e la connessione sempre intensa di contenuti richiedono nuove conoscenze. Per essere all’altezza delle richieste così mutate, Livit investe nella formazione e nella formazione continua mirata dei propri collaboratori, il cui focus, accanto al know-how settoriale, è in prima linea l’orientamento alle necessità dei clienti. A completare la teoria insegnata tra l’altro nell’Accademia Livit, vi è l’applicazione pratica presso il centro. In questo modo si sperimentano nella routine quotidiana nuovi temi culturali e professionali nei moderni uffici aperti; new work con posti di lavoro flessibili, arredamento variabile dei locali e innovative tecnologie sono dei punti fissi. Questo aiuta i collaboratori ad interpretare il proprio ruolo di consulente attivo, nell’elaborazione di soluzioni e prodotti innovativi che tengano conto degli sviluppi sociali, ecologici nonché economici. La finalità è creare servizi personalizzati, prestazioni integrali ed esperienze inconfondibili e in questo modo generare un plusvalore duraturo per proprietari, locatari, utenti e inquilini allo stesso tempo.   Come crea Livit le condizioni per una collaborazione di successo? Lo approfondiamo volentieri con lei.    Febbraio 2018
Money
Spezzare i confini per il futuro
11.01.2018
Spezzare i confini per il futuro Spezzare i confini per il futuro Il settore immobiliare si trova di fronte ad uno sviluppo da cui derivano continuamente nuovi prodotti e servizi, piattaforme e processi innovativi, figure professionali mutate, requisiti e sfide. La considerazione isolata dei due ambiti digitale e analogico non porta al successo. La parola magica è connessione: la disponibilità sistematica e lo scambio di dati oltre i confini collegheranno gli esperti gli uni con gli altri. Le fasi di vita di un immobile finora considerate singolarmente si uniscono in un’immagine completa dell’intero ciclo di vita. Big Data consente il confronto dettagliato di infrastrutture, case singole, grandi edifici. Sulla base di queste conoscenze si sviluppano e introducono processi trasversali e si ridefiniscono in parte i compiti. In questo modo l’amministratore diventa un manager di immobili e dati che con il supporto tecnico analizza le informazioni digitali e le combina con il suo know-how e le sue conoscenze analogiche per ottenere risultati ottimali. Gestione sistematica dei datiSoltanto un esempio di questa connessione è il futuro BEWI-BIM con il quale Livit si confronta intensamente insieme ai proprietari. Il Building Information Modelling, abbreviato BIM, è un sottosettore del Real Estate Management che è già realtà. Nella maggior parte dei processi dispendiosi, architetti e progettisti elaborano una quantità esaustiva di dati di base e i dati relativi a stabili e infrastrutture. In questo modo posano le fondamenta per una pianificazione efficiente, una realizzazione ecologica ed economica dell’immobile. Per poter mettere a disposizione questi preziosi dati anche per il funzionamento ottimale e la gestione efficiente, vi è bisogno di una gestione sistematica dei dati che consideri tutti gli aspetti metodici e concettuali, tecnici e organizzativi. I dati, comunque già esistenti, vengono resi disponibili per tutte le fasi di vita di un immobile in modo esaustivo, sistematico e trasparente. Ciò consente una tutela, duratura sotto ogni aspetto, degli investimenti eseguiti per proprietari e locatari, che si tratti della manutenzione e della cura o della riparazione di immobili. Consulenza stimolante Grandi quantità di dati necessitano, insieme ad una gestione sistematica, anche di un manager professionale: l’amministratore odierno diventa un consulente per il mantenimento efficiente degli immobili a lui affidati. Egli dà l’impulso e riconosce avvenimenti futuri, si rivolge attivamente a proprietari, partner e locatari e mette in moto i processi. Questi sono ridefiniti sulla base della quantità e della qualità dei dati e grazie all’input di antenne, segnalatori e sensori combinano possibilità tecniche con competenze umane. Da questa forma di collaborazione connessa derivano, insieme ai nuovi prodotti e servizi, anche competenze mutate per i locatari, poiché essi gestiscono autonomamente gli abbonamenti ai servizi, fanno presente mancanze e difetti tramite portali specifici e danno il via ai processi corrispondenti. Al centro della rete Con le crescenti digitalizzazione e connessione l’amministratore assume un’importante posizione di coordinamento: al centro della rete di dati, informazioni e processi controlla e compensa le interfacce e i dati mancanti e unisce i vantaggi del mondo digitale e di quello analogico. In veste di consulente crea vantaggi sostanziali per i proprietari in ambito infrastrutturale, edilizio nonché tecnico e commerciale. A supporto e integrazione, Livit sviluppa, sulla base della sua gestione dati, le sue conoscenze di mercato e la sua competenza nella realizzazione, soluzioni innovative nei suoi quattro ambiti di servizi. In questo modo è in grado di consigliare e affiancare i proprietari a 360 gradi, di spezzare i confini – e dunque creare valore e mantenerlo.   Desidera scoprire di più su come una gestione dati intelligente rende più redditizio il suo immobile? Ci contatti – saremo lieti di risponderle!   Febbraio 2018
News

Conferita a Livit la certificazione ISAE 3402

11.01.2018
Anche nel 2017: conferita a Livit la certificazione ISAE 3402 Conferita a Livit la certificazione ISAE 3402 Livit non si limita a parlare di qualità, ma porta anche dei fatti: abbiamo fatto certificare i nostri servizi in ambito gestione e informatica da PricewaterhouseCoopers secondo la ISAE 3402 Tipo 2. Il rapporto ISAE ci permette di dimostrare lesistenza e lefficacia di un sistema di controllo interno (SCI). In qualità di clienti avete una panoramica del contenuto della nostra certificazione ISAE 3402, ovvero dei controlli, della loro efficacia e dei processi SCI delle prestazioni di servizi. Il presente rapporto di audit assicura, inoltre, che anche per le mansioni delegate esiste un SCI che soddisfa pienamente ai requisiti previsti dalla legge. Avete interesse a consultare il nostro rapporto ISAE 3402 Tipo 2? Non esitate a contattarci.   Gennaio 2018
News

Dal Foglio ufficiale cartaceo al radar di monitoraggio digitale

14.12.2017
Pionieri dellinnovazione: dal Foglio ufficiale cartaceo al radar di monitoraggio digitale Dal Foglio ufficiale cartaceo al radar di monitoraggio digitale Un radar digitale per i progetti di costruzione e il monitoraggio delle informazioni fornite dal Foglio ufficiale svizzero di commercio (FUSC) ottimizza i nostri processi interni e crea valore aggiunto per i clienti. I nostri gerenti riceveranno notizia delle variazioni in maniera totalmente automatizzata, consentendo un netto salto di qualità nellefficienza della gestione degli immobili. Siamo i primi: introduzione del radar informazioni FUSCDichiarazioni di fallimento, procedure esecutive, variazioni di sede, ragione e scopo sociale, pubblicate settimanalmente sul Foglio ufficiale, sono per noi di grande importanza, poiché abbiamo in gestione oltre 1 600 000 m² di superfici commerciali. Affinché i team di gestione non debbano più passare ore e ore a sfogliare manualmente le pubblicazioni ufficiali, insieme a un partner esterno abbiamo sviluppato un nuovo prodotto: il radar informazioni FUSC di Livit, che incrocia automaticamente i numeri di identificazione dellimpresa (IDI) dei nostri clienti aziendali con quelli riportati dal FUSC. Se la ricerca evidenzia un risultato positivo, tutti i dati pertinenti vengono inviati tramite e-mail al gerente competente e si pongono immediatamente in essere le misure necessarie, come lemissione di un’aggiunta al contratto di locazione. Il radar progetti di costruzione di LivitLa domanda di costruzione interessa i nostri proprietari se il progetto sorge in prossimità del loro immobile. Insieme al nostro partner esterno abbiamo pertanto elaborato una soluzione completamente automatizzata: i geodati di tutti gli immobili da noi gestiti vengono incrociati con quelli delle domande di costruzione presentate. Se individua una coincidenza fra i dati, il sistema invia automaticamente al team di gestione competente une-mail che illustra a colpo d’occhio il tipo di domanda; inoltre, grazie a una mappa allegata è possibile visualizzare la distanza dallimmobile dei nostri proprietari. Una soluzione digitale di grande fruibilità, chiara ed estremamente rapida, che ci aiuta a migliorare in efficienza e velocità il servizio che diamo ai nostri proprietari. Siamo convinti che per operare con profitto su un lungo arco di tempo e garantire successo e utilità ai nostri clienti, dobbiamo contribuire a costruire il futuro. Per questo lavoriamo intensamente a nuove soluzioni e ottimizzazioni di processo in tutti e quattro i settori di Livit: gestione, Facility Management, gestione locazioni e gestione edilizia.   Dicembre 2017
News
La ricerca presso Livit SA
05.10.2017
La ricerca presso Livit SA La ricerca presso Livit SA Il mercato immobiliare è saturo, aumenta il numero di abitazioni non occupate e cambiano costantemente le esigenze dei locatari. Una situazione che richiede una commercializzazione proattiva e mirata. Si tratta di prevedere futuri sviluppi e di agire tempestivamente. Il nostro esperto Research & Data, Martin Warland, fornisce gli approfondimenti al riguardo: osserva, analizza e interpreta levoluzione del mercato quale base decisionale per Livit e i suoi clienti. Le caratteristiche che contraddistinguono la ricerca presso Livit:Livit segue da vicino landamento del mercato. Grazie al contatto diretto con i locatari conosciamo a fondo le loro esigenze – giorno per giorno e senza filtri. Non ci soffermiamo su una visione dinsieme globale ma entriamo nei dettagli. Applichiamo il know-how in materia di mercato a singoli appartamenti e superfici commerciali. Assistiamo i nostri proprietari anche in relazione a decisioni strategiche: Quali caratteristiche ci si aspetta in futuro dagli immobili? Come entusiasmare i locatari oggi e domani? I nostri clienti beneficiano del know-how risultante dalla collaborazione tra il team Research di Swiss Life Asset Managers e il nostro esperto Research & Data. Nella nuova pubblicazione Research House View vengono esaminate a fondo le attuali condizioni di mercato e le tendenze del settore immobiliare europeo. I risultati vi sorprenderanno: Swiss Life European Real Estate House View   Ottobre 2017 Per saperne di più sullesperto Research di Livit: Dr. Martin Warland Capoprogetto Research & Data Martin Warland ha conseguito il dottorato presso lUniversità di Berna sullo sviluppo delleconomia regionale e locale basato su conoscenze. In veste di ricercatore ospite invitato dallUniversità Virginia Tech a Washington, D.C. ha analizzato, tra laltro, i modelli spaziali nella scelta dellubicazione di società di servizi. In passato aveva studiato geografia economica, economia aziendale e giurisprudenza presso lUniversità Humboldt di Berlino e lUniversity of Illinois at Urbana-Champaign. November 2017   Livit verfügt über 50 Jahre Erfahrung in der Immobilienbewirtschaftung.
People
Tutti insieme contro il cancro
13.09.2017
Tutti insieme contro il cancro Tutti insieme contro il cancro Ogni anno il cancro causa 40 000 vittime in Svizzera. Race for Life si impegna nella lotta contro il cancro e trasmette un messaggio sportivo. Il ricavato della corsa di beneficenza confluisce nella prevenzione, nella ricerca e nellassistenza alle persone colpite dalla malattia. Anche questanno le collaboratrici e i collaboratori di Livit hanno aderito allevento su due ruote: il 3 settembre 2017 un team ha partecipato alla maratona di beneficenza a Berna. I colleghi di Livit hanno sostenuto attivamente il team con donazioni. Il risultato è di tutto rispetto: 620 chilometri percorsi, 11 200 metri di altitudine scalati e 5 855 franchi raccolti. Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno sostenuto con grande impegno questa iniziativa benefica. Siamo orgogliosi della nostra squadra Liv(e)it e della sua prestazione eccezionale!   Settembre 2017
People
Livit si prende cura anche delle api

Crescendo in modo sostenibile

 

Livit si prende cura anche delle api

31.07.2017
Livit si prende cura anche delle api Livit si prende cura anche delle api Crescendo in modo sostenibile   Livit si prende cura anche delle api Livit sta crescendo in modo sostenibile. Proprio oggi abbiamo accolto il 500esimo collaboratore nel nostro team. Siamo lieti di poter condividere questo successo. Livit è esperta nel campo del Real Estate Management ovvero nei settori gestione immobiliare, facility management, gestione edilizia e gestione locazioni. Creare spazi abitativi e lavorativi ideali per le persone e gestire gli immobili in modo ineccepibile fa parte dei nostri compiti. Unoccasione speciale: festeggiamo il nostro 500esimo collaboratore. Team spirit, gioia e divertimento, idee innovative coniugate a un modo di lavorare strutturato, orientamento al cliente e soddisfazione nelloffrire prestazioni eccellenti: tutto questo è Livit. Vogliamo essere come le laboriose api. Desideriamo condividere la gioia per il nostro 500esimo collaboratore, impegnandoci per un progetto nella natura. Per questo motivo sosteniamo Pro Natura: mettiamo in sicurezza le aree naturali protette, costruiamo hotel per le api e lottiamo perché vengano introdotte leggi che proibiscano, ad es., lutilizzo di pesticidi dannosi per le api. Doniamo per ogni collaboratore 10 franchi e sosteniamo con questo contributo sociale la popolazione di api. 5 000 franchi per un buon fine. Livit si impegna in modo mirato nei progetti sociali che riguardano soprattutto labitazione. Agosto 2017
People
Individuare e promuovere talenti

Accademia Livit: al passo coi tempi

26.06.2017
Individuare e promuovere talenti Individuare e promuovere talenti Accademia Livit: al passo coi tempi L’Accademia Livit ha dato vita nel 2016 al programma Executive Talent, promuovendo in modo mirato i talenti interni all’azienda. I singoli moduli preparano i partecipanti a lavori di progetto, sviluppano competenze di conduzione e generano una comprensione della visione, della strategia e dell’obiettivo di Livit. Al centro vi sono l’imprenditorialità e l’orientamento ai clienti. Dopo 12 stimolanti mesi, 11 talenti Livit hanno portato a termine il programma con successo. Livit si affida ad un personale di conduzione proprio. Nel corso di questo programma ci sono state trasmesse preziose conoscenze e strumenti adeguati. Sono fiero di far parte di questo primo programma per talenti. Formazione continua 4.0 Il mondo è in continuo cambiamento; il megatrend della digitalizzazione ha raggiunto tutti i settori. Un modo di pensare visionario e connesso è oggi più fondamentale che mai. Come si dirige? Come si comunica? Qual è un Change-Management di successo? I partecipanti al corso si sono confrontati intensamente con questi temi settoriali attuali.    Il programma Talent Management intesse un’ottima rete tra le divisioni e le succursali – in tutta la Svizzera. Le conoscenze vengono scambiate e si creano delle basi ottimali per un lavoro progettuale di successo e che coinvolge tutte le divisioni. Gli orizzonti si espandono dunque insieme. Al centro vi è sempre l’interesse di tutta l’azienda nonché del cliente. In quanto azienda responsabile Livit investe in modo mirato nei collaboratori e nel loro sviluppo. L’Accademia Livit forma annualmente collaboratori in tutti i settori con oltre 150 corsi. Luglio 2017
People
Competenza da Livit

Una speciale storia di successo

16.06.2017
Una speciale storia di successo Competenza da Livit Una speciale storia di successo Andreas Ingold, CEO di Livit, acquisisce il 16 giugno 2017 la carica di presidente SVIT. Per espletare questo compito attinge a oltre 30 anni di esperienza professionale nel settore immobiliare. Il suo percorso professionale lo testimonia: il Real Estate Management scorre nelle sue vene.  Una vera storia di successo La carriera di Andreas Ingold ha inizio presso una grande banca svizzera. Tuttavia presto si apre davanti ai suoi occhi il mondo immobiliare. Dopo poco tempo come team leader di una società di amministrazione di immobili con procura presso Swiss Life, nel 1998 passa a Livit. Già dopo quattro anni diventa direttore della succursale di Zurigo e dopo poco tempo viene promosso come direttore dell’intero settore della gestione. Segue nel 2008 la nomina come CEO di Livit AG. Con 9 succursali e circa 500 collaboratori, Livit si colloca oggi tra le società di servizi immobiliari più grandi della Svizzera.   Uno sguardo al futuro Andreas Ingold ripone grande valore nell’orientamento al cliente, nella fairness, nella trasparenza e nello spirito di squadra. «Per aver successo, è necessario stare al passo coi tempi». Questa è la convinzione che applica in quanto CEO nella sua conduzione e che pretende dai suoi collaboratori. Con l’introduzione dell’Accademia Livit, del programma Talent Management e di attrattive possibilità di formazione continua i collaboratori sono sempre aggiornati e al passo con i tempi. Andreas Ingold concentra in particolar modo la sua attenzione su nuove tecnologie, nuovi metodi e sistemi. Già attualmente i dossier immobiliari e di locazione sono allestiti in modo digitale e il panorama procedurale esistente si evolve sistematicamente. Una modalità di pensiero e di lavoro connesse sono promosse e supportate mediante nuovi modelli di lavoro e una complessa linea di servizi collegata ad un software gestionale dedicato ai clienti.   Andreas Ingold dispone di elevate competenze settoriali e sociali e conduce Livit con una forte visione nonché idee chiare di cosa rappresenta un Real Estate Management di successo. Insieme ad organi interni ed esterni progetta il futuro digitale. Tuttavia per lui al centro di tutto c’è e rimane il contatto personale con il cliente e con i collaboratori. Oggi si profila già un’immagine chiara: tra cinque anni Livit sarà ancora più specializzata, tecnologica e digitalizzata. La cultura del fornitore di servizi e la passione dei nostri collaboratori restano tuttavia la chiave di volta per il successo duraturo dei nostri clienti. Panorama Livit AG Tutta Livit si congratula vivamente con Andreas Ingold per la sua carica di presidente di SVIT. Siamo fieri del nostro CEO.   Giugno 2017
News

Smart Home: l'avvenire

 

Quali requisiti devono soddisfare gli immobili?

 

01.06.2017
Quali requisiti devono soddisfare gli immobili? Smart Home: lavvenire   Quali requisiti devono soddisfare gli immobili?   Il futuro dellabitazione è caratterizzato da cambiamenti massicci: la digitalizzazione consente di automatizzare i processi complessi. I proprietari, i gestori e i locatari ricevono maggiori informazioni commisurate alle loro esigenze al fine di prendere decisioni, monitorare le spese e aumentare il benessere. Tecnologie moderne velocizzano i processi, riducono i tempi, salvaguardano risorse preziose e abbinano aspetti urbani ed ecologici. Al fine di sfruttare le possibilità innovative Livit analizza e rielabora processi esistenti e sviluppa ulteriormente le strutture. Sulla via verso leconomia immobiliare 4.0 integriamo la gestione locazioni ed edilizia nonché il facility management direttamente a livello digitale nellamministrazione. Al contempo formiamo le collaboratrici e i collaboratori per prepararli alle loro mansioni, in futuro fortemente orientate alla consulenza. Operando questa combinazione di competenze tecnologiche e personali, creiamo soluzioni integrate a beneficio degli investitori e dei proprietari immobiliari privati.Dalla fase di stallo al flusso Uno fra gli esempi di digitalizzazione progressiva presso Livit è il collegamento, a livello tecnico e di processi, tra la gestione classica e le possibilità del moderno modello di gestione di informazioni di un edificio. Questa interfaccia tra allestimento e gestione oggi è toccata da un blocco delle informazioni. Infatti, solo una minima parte del know-how generato prima e durante una costruzione confluisce veramente nella gestione successiva o nei sistemi del Computer Aided Facility Management (CAFM). Pertanto, del know-how prezioso che potrebbe essere destinato a una gestione economica ed ecologica va perso per sempre. Per garantire il flusso di informazioni e rendere utilizzabili i dati per la gestione degli immobili, Livit elabora modelli pertinenti in collaborazione con architetti e progettisti specializzati nonché con esperti in materia di gestione e facility management. Applicando nuovi approcci riflessivi e forti delle conoscenze acquisite in altri rami, essi combinano i settori finora isolati riunendoli in un modello di gestione di informazioni di un edificio.Più precisione ed efficienza In azienda pulsanti e sensori, valori limite nonché ulteriori indicatori forniscono informazioni su immobili e infrastrutture. I dati di ulteriori oggetti immobiliari, lInternet of Things, completano e aggiornano le informazioni e generano big data. Questi dati sono disponibili per analisi e pronostici. Ciò permette alla gestione e al facility management una possibilità dintervento più precisa ed efficiente che, a sua volta, ottimizza i costi e il comfort. Pertanto, i proprietari decidono in merito alla manutenzione sulla base dei dati e i locatari influiscono sulle spese accessorie – entrambi dispongono in futuro di dati completi e consistenti.La combinazione vincente La digitalizzazione cambia la costruzione o il rinnovo degli immobili – e di conseguenza anche il Real Estate Management nel suo complesso. Infatti, tecnologie di piattaforma innovative connettono sistemi complessi e ottimizzano catene del valore per tutte le fasi della durata di vita dellimmobile. Con le nuove possibilità cambia anche il lavoro delle persone. Se le macchine subentrano nellespletamento di lavori quotidiani, aumentano le esigenze nei confronti delle persone. Pertanto, sul percorso verso il futuro dellimmobiliare, Livit presta maggiore attenzione alla combinazione di servizi digitali e competenze specialistiche e individuali dei consulenti provenienti dai settori specializzati gestione, gestione locazioni ed edilizia nonché facility management. Grazie ai contatti digitali e analoghi, entrambe le vie di comunicazione consentono un rapporto personale e improntato alla fiducia, creando così plusvalore per proprietari, gestori, locatari nonché per tutti gli utenti.   Giugno 2017
News

Certificazione ISAE 3402

 

03.02.2017
Certificazione ISAE 3402 Certificazione ISAE 3402   Nel settore immobiliare di oggi, la garanzia di qualità e sicurezza nelle operazioni fiduciarie interne ed esterne (disbrigo dei casi operativi di natura tecnica e commerciale, conoscenze specialistiche, integrità e lealtà dei collaboratori, accettazione di nuovi mandati ecc.) è di importanza fondamentale per i clienti. Per questo motivo abbiamo deciso di far certificare i nostri servizi in ambito gestione e IT da PricewaterhouseCoopers secondo la ISAE 3402 Tipo 2. Il rapporto ci permette di dimostrare lesistenza e lefficacia di un sistema interno di controllo – Voi, in qualità di clienti, avete una panoramica del contenuto della nostra certificazione ISAE 3402, ovvero dei controlli, della loro efficacia e dei processi SCI delle attività di servizi. Il presente rapporto di audit ai sensi della ISAE 3402 assicura, inoltre, che, per le mansioni delegate, esiste un SCI che soddisfa pienamente i requisiti previsti dalla legge. Avete interesse a consultare il nostro rapporto ISAE 3402 Tipo 2? Allora mettetevi in contatto con noi. Aprile 2017